Sei in: Enogastronomia » Cibo e Vino » La tradizione nell'arte dolciaria abruzzese
15/03/2018, 12:51

La tradizione nell'arte dolciaria abruzzese

L'arte dolciaria del Vastese è strettamente legata alla secolare tradizione contadina, tramandata di generazione in generazione. Grande importanza hanno le mandorle, presenti in buona parte delle preparazioni, intere o ridotte a farina. Altrettanto importante è l'impiego del mosto cotto, del miele e del cioccolato. Il mosto cotto è una produzione che accomuna tutti i territori della regione Abruzzo. Ha un caratteristico colore violaceo scuro e un sapore molto dolce. Come pure molto apprezzate sono le confetture di uva, la scrucchiata (conserva tipica abruzzese) e la marmellata, quest’ultima ingrediente irrinunciabile di una lunga serie di ciambelle e taralli. Rigorosamente d'obbligo in occasione di nozze, battesimi, lauree e avvenimenti festosi in genere sono i celli ripieni, tipici del territorio, farciti con marmellata di uva e mosto cotto. Altro dolce tradizionale delle grandi occasioni e dei matrimoni è la pizza dolce, formata da fette di pan di spagna inzuppate di liquore e farcite con tre diverse creme: all’uovo, al cioccolato e alle mandorle. Una volta rivestito, il dolce viene decorato con confettini colorati.

Legato più di altri luoghi ai doveri della ritualità, questo spicchio d'Abruzzo rispetta ancora oggi le antiche connessioni tra il calendario e la pasticceria. Così non c'è Carnevale che non veda apparire a tavola la cicerchiata, una ciambella fatta di palline unite dal miele e arricchite di canditi; non c'è Pasqua che non veda moltiplicarsi nelle vetrine e sulle mense pupe e cavalli di pasta nera e i fiadoni, che sono sformati a base di formaggio, eccellenti sia nella versione salata che in quella dolce. A Natale si fanno i caggionetti, dei ravioli fritti, preparati con un impasto di acqua, farina, olio e vino bianco e ripieni di ceci, cacao, mosto cotto, cannella e bucce d’arancio.

Tra le numerose e gustose specialità c’è anche il bocconotto, tipico dell'area frentana e vastese: ha una forma di piccolo cestello con ripieno a base di mandorle, cioccolato e uova.
Le ferratelle sono diffuse in tutta la regione con una miriade di denominazioni diverse (neole, pizzelle, catarrette): si tratta di cialde semplici o aromatizzate all'anice cotte su un ferro rovente.

 

Specialità tipiche del vastese sono poi il torroncino di mandorle e zucchero caramellato, aromatizzato con scorze di limone e mandarino e il mostacciolo, fatto col mosto cotto legato a zucchero, farina, cacao e mandorle.

 


The art of confectionery Vastese is closely linked to age-old tradition, handed down from generation to generation. Great importance almonds, present in most of the preparations, whole or reduced to flour. Equally important is the use of cooked must, honey and chocolate. The cooked must is a production that is common to all parts of the region Abruzzo. It has a distinctive dark purple color and a very sweet taste. As well as very popular are the jams grapes, scrucchiata (preserve of Abruzzo) and the jam, the latter an essential ingredient of a long series of donuts and bagels. Strictly a must at weddings, baptisms, graduations and festive events are usually filled with the celli, typical of the area, filled with grape jam and cooked must. Other traditional dessert for special occasions and weddings is sweet pizza, made with slices of sponge cake soaked with liqueur and topped with three different creams: egg, chocolate and almonds. Once coated, the cake is decorated with colored sprinkles.
More than other places linked to the duties of ritual, this corner of Abruzzo respects still the ancient connection between the calendar and pastries. So there is that Carnival does not see look at the table cicerchiata, a donut made of beads combined with honey and enriched with candied fruits; do not see that there is no Easter multiply in the windows and on the tables pupae and horses black paste and fiadoni , which are processed based on cheese, excellent both in the version that salt in the sweet. At Christmas you do caggionetti, fried ravioli, prepared with a dough of flour, water, olive oil and white wine and stuffed with chickpeas, cocoa, cooked must, cinnamon and orange peel.
Among the numerous mouth watering delicacies is also bocconotto, typical of frentana and Vasto: has a shape of a small basket with stuffed with almonds, chocolate and eggs. The ferratelle are spread across the region with a myriad of different names (neole, pizzelle catarrette): it is simple or aniseed-flavored waffles cooked on a hot iron.
Specialties of Vasto are then nougat with almonds and caramelized sugar, flavored with lemon and mandarin and mostacciolo, made with cooked must linked to sugar, flour, cocoa and almonds.

Franca Nocera