Sei in: Cultura & Turismo » Storia e Tradizioni » E nel tempio dell'arte il Vate scrisse 'A vucchella'
02/11/2016, 11:52

E nel tempio dell'arte il Vate scrisse 'A vucchella'

Accadeva al Gran Caffè Gambrinus di Napoli

Da Benedetto  Croce a Oscar Wilde,  da Matilde Serao ad Eleonora Duse,  da Gabriele D’Annunzio a Salvatore Di Giacomo.  Figure eleganti che hanno affollato i locali del Gran Caffè Gambrinus di Napoli, tra splendide pitture  di Irolli, Caprile, Casciaro, Pratella, Postiglione che coprono lo spazio lasciato libero da grandi specchi come le pareti stesse  e decorazioni in oro.  Un mito imperituro quello del Gambrinus che si apre all’angolo di via Chiaia di fronte alla Chiesa di San Ferdinando, con una parte delle sue sette porte che s’affacciano sul Palazzo Reale. Una meraviglia tra divanetti e poltrone di velluto rosso, pronti ad accogliere, oggi come allora, prestigiosi ospiti per un caffè, una cioccolata, una fetta di pastiera, un babà. Le cronache ci raccontano di canzoni nate come per incanto in quello spazio. ‘Tu tiene ' na vucchella, ' nu poco pocurillo appassuliatella’: seduto a uno dei tavolini del Gambrinus, tra sussurri e sorrisi, Gabriele D' Annunzio, vissuto a Napoli dal 1891 al 1893,  fu sfidato dall’amico Ferdinando Russo a comporre una canzone in dialetto napoletano, canzone che scrisse di getto, a matita, sul marmo di uno dei tavoli del Caffè. Il testo della celebre ‘A vucchella’ fu musicato da Francesco Paolo Tosti alcuni anni dopo e la canzone fu incisa nel 1919 da Enrico Caruso.

Tanto triste ci sembrerebbe quel pezzo di città senza il Gambrinus!

'A VUCCHELLA'

 

 

 

Franca Nocera